di sabato

di sabato

La gentile e curata proprietaria del negozio di scarpe ( è un negozio a conduzione familiare…solo made in Italy , nel quartiere dove lavoro) mentre incarta il mio acquisto ( un paio di stivaletti neri che vanno a sostituire quelli ormai distrutti di tutti i giorni) dice

” ha visto signora? che bel paio di scarpe a poco!”

a me colpisce il suo poco.

Che a me sembra il NON poco.

Cioè a me sembra di aver acquistato un paio di scarpe ad un prezzo medio che è in realtà il massimo che posso permettermi ( anche se è un regalo).

Che equivale a circa due giorni di lavoro.

E allora mi domando…che tipo di clientela ha questa graziosa signora con il suo negozio in un quartiere popolare ?

O sono io che sto scivolando in una NON comfort zone e vedo le cose, pure in materia economica, in modo differente?

Non ero la classe media una volta?Ahimè…in cosa mi sto trasformando?

Annunci

18 pensieri su “di sabato

  1. Stiamo scadendo e non siamo più la classe media, forse siamo retrocessi a quella elementare…scusa eh.
    Ho scritto una nota sul mio calendario: ” Compleanno di Annika”. Tantissimi auguri scorpioncino.Se quasi a metà della corsa. Riprendi fiato e riattacca. Un bel tempo ti attende, credi a me.

    Mi piace

      1. No, carissima, la nota era giusta per domani 13 novembre, ma io domani sarò impegnato con un anniversario in casa di mio figlio e ho pensato che non avrei avuto la possibilità di farti gli auguri, per cui ho deciso che fosse meglio farteli un giorno prima che un giorno dopo.
        Di nuovo buonissime cose.

        Mi piace

  2. accipicchia, 45, praticamente nel fior degli anni peccato che con l’euro hanno potuto ristabilire le distanze, basterebbe controllare le entrate di tutti i caporioni pubblici e privati al tempo della lira con quelle di oggi e poi fare lo stesso con i dipendenti salariati o stipendiati e ci si accorgerebbe che i primi si sono triplicate le prebende alle spalle dei secondi che avranno aumentato si e no un 40% riassorbito da ticket, tasse, biglietto dell’autobus e costo della vita

    Mi piace

  3. Non so cosa intendesse la signora ma una cosa con gli anni, ed i problemi ai piedi a causa di scarpe economiche, ho capito, se ho necessità di comprare le scarpe, le compro si buona fattura…

    Mi piace

    1. ovviamente si. Ed anch’io mi sono convertita a questo. ma dire POCO…insomma…non so quanto guadagni la signora ma so quanto guadagno io…e quella cifra non sta nel POCO…casomai sta nel MEDIO…che è il massimo che noi classe media ( almeno io) possiamo mettere in un paio di stivaletti da tutti i giorni…

      Mi piace

  4. Io ogni tanto penso ad un pezzo di margherita (non trancio..quella al taglio)…per cui anni fa (fai una decina), la commessa mi disse “solo due euro!”. Va be’, ci provano sempre…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...