la maestra della mutua

la maestra della mutua

stamani ho infilato i giacchetti ai bambini per andare in giardino.

Poi mi sono messa a fare una camminata saltellata e stramba nel corridoio. E loro..abituati a seguirmi…mi hanno imitato…

io davanti che saltellavo e 21 bambini dietro che facevano lo stesso.

La Gommosa Patata ci ha guardato e ” Anni…sembri Albertone ne il medico della mutua!ti mancano le suore ( ma in quel momento è uscita DD dalla cucina, vestita di bianco e la scena è stata completa)

Ne è nata una gag esilarante.

Un momento di autentico riso .

La giovane tirocinante affidata a me a fine mattina mi dice:

” il tempo con te mi è volato. Ieri non passava mai”

Senza le gag morirei.

Il sano grottesco ridicolo.

Annunci

18 pensieri su “la maestra della mutua

  1. Ho lavorato quattro anni in uno Jugendzentrum, un centro giovanile per ragazzi dai dieci anni in su, ed è stato il lavoro più gratificante di tutti. Ufficialmente ero operatore artistico, ma facevo di tutto, anche il birraio nelle feste. Ogni domenica dalle 13,00 alle 17,00 facevamo entrare soltanto i piccolissimi -da sei anni a dieci- e chiudevamo gli ingressi per i grandi, che si sa la vogliono sempre fare da padroni. Volevano sempre fare il karaoke. Poi a fine anno scolastico organizzavamo la settimana delle gite e i ragazzi stavano con noi dalle 8.00 alle 22.00. Uno spasso incredibile. Io facevo il Kaspar, cioè il buffone, ed ero il loro idolo: volevano tutti venire con me e una collega giovanissima che la pensava proprio come te…e me.
    Quando ne rincontro qualcuno, che adesso a stento riconosco tanto sono cambiati -tutta gente di quasi quaranta anni- sono loro a venirmi incontro con un sorriso largo così. E mi chiamano Enzo, non Herr Iacoponi ci mancherebbe.
    Le soddisfazioni nella vita sono poche, ma buone. I tuoi marmocchi si ricorderanno di te per sempre.

    Mi piace

  2. Fa parte del “pensiero positivo” del vedere sempre il “bicchiere mezzo pieno”, checchè se ne dica, aiuta a vivere meglio noi e chi ci sta accanto durante il giorno.
    Una battuta sempre pronta, una gag quando serve danno molto, figuriamoci se fatte con i bambini.
    E se qualcuno ci critica o ci sottovaluta per questo nostro modo di essere… peggio per lui/lei

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...