e fine non avrà…e la rosina bella va al mercà

e fine non avrà…e la rosina bella va al mercà

” Buongiorno prof.ssa ( di biologia, con la testa sotto ai suoi piedi e si può anche muovere)”

” ah la mamma di Lemure…mi dica”

” Mi perdoni il dubbio ( santissima)…ho visto i voti di Lemus nel secondo quadrimestre…il 7 a gennaio al primo orale e poi il 9 allo scritto ed il 9 all’ultimo orale…”

” Si ha fatto un orale brillantissimo”

” ( eh immagino per avere 9 )Ecco appunto…mi sovviene una domanda…sul registro elettronico lei ha scritto debito non rimediato…nel mio (piccolo mondo)…ehm..o nella mia ( ignoranza?)…insomma…mi chiedevo…non rimediato ANCORA?( dopo due 9? )

” eh no signora…lui ha rimediato in due argomenti ma mancano ancora le BIOMOLECOLE”

” Ah..ehm..e non lo ha interrogato anche su quelle?”

” No no quelle erano argomento di dicembre”

“E quindi resta il debito”

” eh si fino a quando non gli farò fare una verifica proprio sulle biomolecole”

” ecco…e quando la farà?”

“Intorno a maggio”

” ? “

“( cioè questo significa che Lemure può continuare a prendere 9 sulle NON biomolecole (ma che cazzo sono ?)e rischiare ugualmente sulle biomolecole a maggio?)

La saluto prof.ssa”

” Saluti a lei”

e a tutto il cucuzzaro.

O sono io che immagino una scuola lievemente diversa?

no perché..mi sto a perde’…

Annunci

22 pensieri su “e fine non avrà…e la rosina bella va al mercà

  1. Le biomolecole del caz.
    Mi ricorda il mio liceo, quando non si rimediava, si andava a settembre, oppure si abbassava la media generale di uno e anche di due punti per ottenere un sei in scienze. Liceo classico con otto ore di greco e otto di latino a settimana -compreso il sabato; cinque ore al giorno più due giorni sei ore, per un totale di trentadue ore alla settimana- e ogni giorno un’ora minimo di italiano. E c’era poi la maledetta usanza del due ( in cifre 2) di distrazione. Tu guardavi fuori dalla finestra e il prof o la prof ti chiedeva: “Quale è stata la mia ultima parola,Iacoponi?” e io rispondevo SEMPRE “Iacoponi”. “Due, e adesso vai fuori a fare lo spiritoso”. Per riparare quel due occorreva minimo un sette, altrimenti ti eri fregato. Io una mattina di aprile verso le undici ho preso sei volte due in greco. Fatti un conto.

    Mi piace

  2. Sarà che comincio ad avere un’età anche io, ma ai miei tempi era la media che contava, non il singolo argomento. Se no, anche per l’insegnante, diventa un delirio dover far recuperare ogni singolo capitolo del programma a chiunque abbia avuto un debito. Mi associo ai perplessi.

    Mi piace

  3. Non sono strane idee della professoressa, è la normativa: il debito del I quadrimestre va rimediato con delle prove ad hoc che certifichino il raggiungimento degli obiettivi minimi nelle competenze del I quadrimestre, il che tradotto, vuol dire che non fai media coi nuovi voti ma devi proprio riprendere la sufficienza su tutti i vecchi argomenti che ti hanno meritato il 5, o meno, in pagella. E dunque le persone più serie invece di fare un compituccio a febbraio, giusto per dire che, lo fanno verso la fine dell’anno per dare modo di studiare TUTTO il programma del I quadrimestre.

    Liked by 1 persona

    1. Grazie della spiegazione. la mia ignoranza ovviamente non paga e non mi giustifico ma mi chiedo…
      a parte che bastava parlarne con Lemure stesso che ha l’età per capire senza tacere e scrivere sul registro ( lui, sbagliando, pensava di aver rimediato il debito)La comunicazione secondo me sta alla base dell’educazione e del rapporto alunno insegnante.
      Posto che anche lemure sia ignorante in materia e ciò non paga…mi ripeto…il compito a maggio non rischia di essere riduttivo …con un solo argomento…rispetto allo studio dimostrato nei 5 mesi di pentamestre?

      Mi piace

      1. Sono due cose separate: il compito certifica il recupero del debito, lo studio del pentamestre i voti del pentamestre. Il recupero è sugli argomenti delle insufficienze, poi è ovvio che se poi hai 9 nessuno ti boccia se non hai recuperato il debito, perché, appunto, si ha buon senso. Ma la normativa prevede questo e la mancata procedura di recupero del debito dà adito a ricorsi per omissione di atti dovuti.
        Lemure lo sa, perché se ne parla in classe, e per tutte le materie. Mi pare impossibile, molto onestamente, che tutti i suoi insegnanti non abbiano mai parlato di recupero del debito in classe, statisticamente direi poco probabile.

        Mi piace

        1. è il suo primo debito e me lo avrebbe tranquillamente detto se la prof ne avesse parlato ( tra l’altro liberandomi dall’andare al colloquio sabato mattina ). Può darsi che lui non abbia ascoltato …lo metto sicuramente in conto. Di questa prof.ssa dice che spiega, interroga, consegna le verifiche e non parla. boh. E’ un adolescente può darsi che me la racconti così.
          comunque vedremo di recuperare e grazie per la tua chiarezza

          Mi piace

        2. ps: no devo essere più precisa…Lemure sapeva che la verifica sul debito verteva su tre argomenti e che lui ne aveva recuperati due. Però pensava di poter recuperare l’argomento non sufficiente nelle sostenute interrogazioni

          Mi piace

        3. Mi sono spiegata male: il debito funziona così in tutte le materie, e tutti gli insegnanti dovrebbero (dovrebbero) spiegarlo in classe. Io non dubito che lei on lo abbia detto, ma mi sembra francamente strano che arrivato in seconda non lo sappia perché nessun insegnante (non importa quale) glielo ha detto, perché significherebbe che in un anno e mezzo nessuno in quella scuola ha mai parlato a nessuno di quella classe della procedura di recupero dei debiti. Tutto è possibile ma, da che c’è questo procedura (riforma Fioroni, 2007), sarebbe la prima volta che mi capita di avere un alunno di seconda che non sa che il debito del I trimestre si recupera con prove ad hoc.

          Mi piace

        4. dopo il tuo commento ho riparlato con mio figlio.
          Riporto il dialogo
          ” Ma tu sei a conoscenza che il recupero si rimedia con la verifica su moduli specifici?”
          ” Si si dei moduli l’ho capito”
          ” e quindi come potevi non sapere che avevi ancora un debito sulle biomolecole”
          ” non mi era chiaro”
          “Ne hai parlato con la prof? Lei o la coordinatrice di classe?”
          “Si. Mi ha detto…Lemure le biomolecole sono insufficienti..ma non gravemente…mi devi far vedere che ti impegni e il debito sparisce. Pensavo di aver dimostrato che mi impegno”
          Ecco. Testuale.

          Mi piace

      1. se ne esce stressati un po’ tutti…temo…e con questo non voglio certo giustificare il 5 che c’era tutto e non si discute. Io sono abituata…e sono stata formata in questo modo..a valutare un percorso educativo didattico ( anche quando ho insegnato alla primaria) e mi rendo conto che questa mia forma mentis è molto distante dalla normativa vigente alle Superiori…

        Mi piace

  4. glucidi, lipidi, protidi ed acidi nucleici.
    (In genere la parte difficile sono le proteine e gli acidi nucleici (DNA ed RNA).)
    Queste sono le biomolecole, almeno nel mio linguaggio.
    Si potrebbero aggiungere le vitamine.
    Insomma le molecole che rivestono un ruolo per gli esseri viventi. In genere sono composti del carbonio.
    Spesso si chiamano anche macromolecole.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...