commedia dell’arte

commedia dell’arte

Il grottesco di Scuola Piccola è spassosissimo ( se non fosse per il caldo , per il mio solito ciclo emorragico, per i troppi bambini, per Psyco 3 e per i fermagli con le rose di Carlina )

Le maschere della commedia dell’arte che si aggirano nei corridoi hanno del fantastico.

Piccarda dè tracani fu Culosecco onde evitare che Sindacalista ( di ritorno a Scuola Piccola e ne parlerò in altro post) potesse organizzare una cena di fine anno troppo divertente per la tristezza media che staziona in zona, ha preso in mano le redini dello staff festeecene ed ha stabilito già data e luogo dell’evento.

Solita pizzeria con menu a 15 euro ( e quello va benissimo) facendo molta attenzione che nulla cambi affinché nulla cambi. Nella disgraziata ipotesi che ci si possa talvolta divertire.

Quando mi comunica data e luogo mi viene da dire

” oh no…si stette tanto bene lo scorso anno sul lungomare di Tirrenia con il karaoke!”

” SCHERZI? ma se ci mangiarono le zanzare!”

Io devo avere il sangue acido…come il resto del corpo talvolta…e non ricordo il pasto delle zanzare. Ma, in effetti, Piccarda mangiò male per i suoi standard ( ha i diverticoli e ce lo ricorda ad ogni piè sospinto) e ci divertimmo troppo.

Da evitare.

Annunci

7 pensieri su “commedia dell’arte

  1. Siete già alle pizze di commiato. Beate voi. Qui nella Renania Palatinato adesso per le Pentecoste fanno 15 giorni di vacanza poi di nuovo fino a metà luglio, tutte le scuole anche i nidi d’infanzia. Nel Bad Württemberg, a Karlsruhe dove sta mio figlio coi miei nipoti due settimane per Pentecoste e poi di nuovo fino alla fine di luglio. A metà settembre ricominciano. Meglio così che quei tre mesi di sosta dove i piccoli dimenticano quasi tutto. Poi a ottobre altre tre settimane di sosta, poi a Natale tre settimane, poi a Pasqua tre settimane e bisognerà vedere quando quelle estive perché qui ogni anno cambia, perché i crucchi vanno TUTTI in Urlaub (vacanza all’estero o molto lontano nel territorio) e non si potrebbe più circolare in autostrada. Tutto perfettamente organizzato alla Angela Merkel, mia cara.
    Memento: dar da bere agli assetati, dar da mangiare agli affamati. Quelle povere zanzarine aspettano voi da un anno…e datele qualcosa da pappare o meglio da succhiare, poverette.

    Mi piace

      1. Sul posto di lavoro qui le ferie vengono uddivise a volta con le pause scolastiche, più che altro perché per un paio di settimane i bambini rimarrebbero soli in casa, visto che entrambi i genitori oggi lavorano. Questo è il negativo. Positivo il fatto che chi ha figli in età scolastica passa davanti ai celibi o senza figli per la scelta del periodo feriale. Questo il positivo. Nonché il fatto che lasciare i picoli per tre mesi senza fare niente è dannoso. Non ho dimenticato le mie vacanze dove TUTTI i compiti, montagne, venivano fatti nei due ultimi giorni. Qui compiti pochissimi o quasi niente.
        Io avrei preferito così ai miei tempi che non vivere con l’incubo dei compiti da fare.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...