trote su trote

trote su trote

La Trota ha accumulato più assenze di quante io ne abbia fatte in tutta la mia carriera scolastica.

Ma soprattutto..non sappiamo se e quando voglia rientrare a lavorare.

Domani ha la prova scritta del concorso.

Ma lei ogni sera ci delizia postando la foto del termometro che segna 37.2 e lamentando una fastidiosa spossatezza..

streptococco?

mononucleosi?

legionella?

La Trota si limita a dire che farà accertamenti ( ma non ci dice se rientrerà)

Carlina ormai è una strana Carlina che ha abbandonato lo stile della tartarughina pacifica e buonista per assumere quello di una inquietante ranocchia dalla pancetta gonfia, le gambine corte, i capelli arruffati e tanta rabbia..

intanto è arrivata il gossip più gossip della stagione ( che debutterà su Netflix)

Il marito di Sindacalista dopo 35 anni di onorata resistenza si è trasferito a vivere in taverna ( ha sceso le scale insomma) pronunciando la famosa e quanto mai ambigua frase…”finisce qui NON CI PRENDIAMO DI CARATTERE”

Ora..non ci prendiamo di carattere lo può dire Lemure alla ragazzina sedicenne…

in bocca ad un ultracinquantenne con due figli grandi e 30 anni di matrimonio alle spalle suona francamente grottesco..

e l’aggiunta ” ti voglio bene ma non ti amo più ” apre nuovi inquietanti varchi nella storia…

Sindacalista è stranamente in un momento di implosione.

Tutte temiamo l’esplosione.

Annunci
con le punte, appunto

con le punte, appunto

Vengo invitata ad un Battesimo ( solo la cerimonia ) da una simpatica ragazza amica di Patri che ha partorito due graziose gemelle ed è la mia rivenditrice di prodotti naturali per la casa e per il corpo ( una marca svizzera molto cara..maneggiare con cura ed io infatti maneggio ormai poco).

Lei, come ad un tempo la Patri, è moglie di un sergente della Folgore.

( chi mi conosce sa che la Folgore sta a me come i rom a salvini…quindi mi autoproclamo razzista senza giustificazioni).

Durante la cerimonia osservo le amiche della madre delle festeggiate.

Tutte mogli di militari. Tutte del Sud. Tutte vestite Liu Jo e super accessoriate…rossetti, trucchi ,parrucchi, cinture, balconate di tacco e pure calze ( che oggi sembra estate ndr)…sembrano fatte in serie…belle, alte, con quell’eleganza un pò esibita che fa trash ( per le radical chic eh).

Quasi tutte con marito in Norvegia a seguire un corso di addestramento della serie ” mi si apre il paracadute se..”

Tutte senza lavoro e senza sorriso. ( qui magari è una sensazione eh..forse sorridono più di me)

Con due figli piccoli in media a testa.

E uomini altrove.

E per tutta la bella cerimonia nella mia testa ha risuonato una vocina…strane le vocine eh…che sussurrava una cosa più o meno  così…

“e tu paghi!”

“E tu paghi”

” e tu paghi”

 

malefiche vocine.

 

#ioproprioio

#ioproprioio

Oggi mi hanno definita una con la spina dorsale e con le punte.

é una definizione bellissima.

Ho la colonna che sta bene in piedi e le punte. Si..le punte.

Adoro le mie punte.

Le immagino colorate.

io - 1 (1)

 

( senza filtri senza trucco. Si vedono le punte?)

zibaldone d’ottobre

zibaldone d’ottobre

La Trota salmonata dopo due venerdi di ferie per studio ha una febbriciattola che la costringerà a casa tutta la settimana.

E la prossima ha i giorni per concorso.

Ma come mi dice la Director Sandalo ( che per dirmi sta cagata mi ha pure contattato su wattsup) ” sia comprensiva Lorenzi ne va della sua carriera ( della Trota)

Avrei avuto molte risposte davvero ma ho capito che era il caso di lasciar perdere come con i grillini su Twitter .

Stavamo parlando due lingue diverse.

Lei dalla scrivania.

Io dalla trincea ( dove ogni giorno arrivano una settantina di bambini 25 dei quali di tre anni in pieno inserimento e le forze davvero a volte non sappiamo dove cercarle)

E la Trota per la sua carriera e vita, che nessuno vuole alterare per carità, avrebbe potuto andarsene in un Istituto Superiore dove la gestione alunni è sicuramente diversa e non comporta accudimento.( visto che ci fa notare che lei può insegnare ovunque. Ottimo. Insegni altrove. )

Ma tant’è…c’è chi sta in trincea a gestire assenze ( ed una di queste è Carlina poveretta ) e chi pontifica su watts alle 15 del pomeriggio ( quando nelle scuole D’infanzia abbiamo ancora i bambini)

” Lorenzi! Non manderò supplente questa settimana visto CHE POSSO ( ?). La prossima si. Mi raccomando…NON FATE TROVARE UN ‘ESTRANEA all’ingresso..sa per i genitori”

” Gentile Director..a parte il fatto che una supplente presumo sia presa da liste di abilitati all’insegnamento e quindi NON estranea al mondo scolastico, le ricordo che PER non smarrire il gruppo di Trota di tre anni cambiamo i turni in modo da affiancare Carlina SEMPRE.( e non con maschere di Salvator Dalì ma con le nostre belle facce ndr)

Poi dice che una prende alcune antipatie..

per dire…

 

e desolazione

e desolazione

Mi spiegate quali sono le spese cosiddette immorali verso le quali non può andare chi usufruisce del reddito di cittadinanza?

Tipo..

le mie creme?

immorali?

Assorbenti…creme depilazione…rasoi…deodoranti…profumatori d’alito…sali per pediluvi..tisane..integratori?

immorali?

I poveri devono mangiare carboidrati e basta? Per ingrassare e poi avere bisogno del dietologo che è immorale?

Scherzi a parte ( ma mica poi troppo) voi questa cosa l’avete capita?

splendore

splendore

Ci sono ci sono.

Avevo pc fuori uso ma sono ancora qua.

Trasmetto direttamente dal giardino di Scuola Piccola dove passo molto del mio tempo ( nuovo gruppo molto faticoso e lo sapevo…le strade facili non riesco ad imboccarle)

Oggi ho fotografato lo splendore di un attimo autunnale.

Lo fermo qui.

Amo Ottobre anche quando è così incasinato.

splendore - 1

incendio

incendio

Ero a Peschici nell’estate 2007 quando il Sud cominciò a bruciare.

Ero in un villaggio e da dietro la collina arrivò il grecale. Poi un colore rossastro innaturale. Poi il vento  si fece caldissimo.  Cominciarono a scoppiare le pigne sugli alberi.

Sette roghi dolosi indomabili per due giorni.

L’inferno in terra.

Quando cominciarono a scoppiare le pigne ed i camerieri che abitavano nei paesi vicini fuggirono spaventati capii che era il momento di decidere.

Stare fermi sarebbe stato il disastro.

Molti scesero in spiaggia in costume.

Ma il fumo nero e pregno di veleni li avrebbe raggiunti in fretta. Alcuni furono portati via dalle barche dei pescatori. Con costume e pareo.

Noi scappammo verso l’alto. In dieci minuti buttammo in macchina le nostre cose.

Rischiammo di rimanere intrappolati in una fila di auto in fuga ma fummo veloci.

Arrivammo con tutto il necessario al centro sfollati della protezione civile.

 

Vi starete chiedendo se mi riferisco al rogo che ha colpito la Toscana nei giorni scorsi.

Un pò.

Il rogo mi ha fatto pensare a quella salvifica decisione presa in trenta secondi. Scappare. Ma verso l’alto.

Uscire dal villaggio.

In auto.

Con vestiti e beauty.

Lemure aveva sei anni.

Afferrare il caricabatterie. Il bene più prezioso insieme al bagnoschiuma e alle mutande di lì a poche ore.

 

Io quando vedo la faccia di Gigi Di Maio penso al grecale…

alle pigne che esplodono…

all’attimo nel quale ho detto…

scappiamo.

Ma non verso il fumo.

Verso l’alto.

Decidere in fretta.

vi giuro. Lui mi fa quell’effetto.

 

pezzi e puzzle

pezzi e puzzle

La mia nuova collega, Segaligna Buona, oltre ad essere molto magra ed energica è una donna dalla filosofia semplice e genuina…

mi ripete spesso

“Anni..io penso positivo…e quando pensi positivo tutti i pezzi del puzzle vanno nel posto giusto”

Vorrei anche un terzo della sua fiducia nella vita.

Mi piace.

La respiro con beatitudine.