emergenza fertility

emergenza fertility

A mensa si discute animatamente sul mese di Giugno a Scuola Piccola.

 Sostegna Cerbiatta ha scoperto di essere in dolce attesa ( felicissima) ed essendo su posto a rischio ci abbandona da subito..Carlina verrà operata…

non saranno giorni semplici.

Mentre si rincorrono ipotesi e piani di lavoro ( ipotesi di altre piani di lavoro miei) Cerbiatta mi guarda e fa

” Anni..ma l’ultima settimana di Giugno …non si potrebbe chiedere di chiudere alle 13 per EMERGENZA?”

” EMERGENZA? Ragazzì ( non lo è, ha 38 anni) al Manicomio abbiamo tenuto aperte 4 sezioni a orario pieno con Carlina ( sempre lei) a casa post operazione e Secca che rientrò l’ultimo giorno dopo la morte del marito…emergenza andiamola a dire alla Scuola di Amatrice ( e se hanno riaperto loro…)”

oh ma come farebbe bene un po’ di azienda privata a qualcuna…

( poi detto tra noi se l’ultima di giugno le mammine se li tenessero non è che piangerei eh)

la pallina sul piano inclinato

la pallina sul piano inclinato

Oggi è il quinto anniversario dell’incidente del marito di secca.

era una giornata di sole come oggi.

Avevamo Collegio.

Ci eravamo fermate al bar davanti al manicomio.

Nello stesso momento un uomo con la macchina parcheggiata apriva la portiera e faceva cadere Mario dalla bici.

Mario è morto 3 giorni dopo.

Secca mi risponde che sono l’unica a ricordare il 23.

Ieri sono passata ( e non credo di averlo fatto a caso) davanti a quel bar.

Il ricordo di quella giornata di sole è così vivo che fa ancora male.

Quel giorno chiuse nel peggiore dei modi un anno tragico.

Dopo..per me…le cose hanno preso una piega diversa. Ed è arrivato uno dei periodi più felici che io ricordi.

Il trasferimento. La casa nuova. La felicità. La Bruni. Ed un gruppo di bambini tra i più belli che io ricordi.

Oggi sento quel dolore sommato a 20 mesi difficilissimi.

E’ il dolore in mezzo allo sterno. Lo chiamo il dolore perfetto.

Secondo i miei calcoli la pallina sul piano inclinato che ormai ha preso velocità ( era una delle teorie fisiche che piaceva al mio babbo)dovrebbe a breve trovare l’apoteosi nello scaricare a terra  la sua corsa.

Allora o devo cominciare a scavare a mani nude o arriva la luce più bella.

Però sono perplessa.

 

la patrona

la patrona

WP_20170522_09_11_26_Pro

Festa di santa Giulia.

Comincia ufficialmente la stagione balneare.

c’è un’atmosfera unica.

Io per ora la guardo dal sellino della mia bici.

Sono le 9 del mattino e si intuisce che presto qui sarà tutto pieno. e farà caldo.

nelle città di mare inizia l’ estate.

Nella mia testa c’è ancora parecchio inverno…

Mutter per sempre

Mutter per sempre

In treno verso Firenze.

Io ,Mutter e la sua amica.

a Firenze ci incontreremo con Jane e la sua graziosissima mamma.

Destinazione Palazzo strozzi. Personale di Bill Viola ( per me molto interessante mia madre pensa che ci stiano prendendo in giro)

Sul treno, appunto.

” Non trovo più i gioielli che avevo al matrimonio di tuo fratello…sono certa di aver pensato di metterli in un luogo sicuro…e non li trovo”

” e cosa avevi nascosto mamma?”

” la collana di turchese, gli orecchini e l’anello di tua nonna. Peccato. Erano proprio quelli che dovevano toccare a te!”

naufragio?

naufragio?

Pare che stia già per naufragare ( e non per colpa del cabinato ormeggiato sui Fossi) il nuovo grande amore della Luci.

La magagna c’era eccome se c’era.

E non serviva nemmeno togliere troppa carta di imballaggio.

Il trinomio…uomo di mezzo età solo con panza e soldi è risultato assolutamente perdente ( io nutro un certo sentimento razziale per il grasso addominale…lo trovo particolarmente nocivo alla salute ).

Lui, il nostromo panzuto con attico mozzafiato, dopo 20 giorni di frequentazione ha calato il jolly.

A dire la verità i miei sensi di scorpiona di merda avevano cominciato a pizzicare alla frase ( che la Luci aveva trovato fantastica) ” appena vado in pensione ti mantengo io e tu smetti di lavorare”

Anni ed anni di frequentazioni uteroèmio elogestiscoio insegnano che dietro a tanta magnanimità si nasconde il peggior uomo in assoluto: l’insicuro. Il maschio finto alfa .

Ed infatti ,dopo 20 giorni , lui ha cominciato a dare segni di squilibrio. Si è alterato per un like su feis ( ah dannato feis). Si è alterato per le prove di teatro. Si è alterato per le cene con le amiche.

Figurarsi.

Con la Luci.

La donna che ha millecinquecento contatti e li frequenta tutti.

” ma ci pensi Anni! io che ho mollato un marito insicuro e mi sono mantenuta sempre da sola! arriva questo e non vuole che faccia teatro! ma mi ci mancherebbelui! Oh Anni ma li trovo tutti io?”

” non è che li trovi tutti te…è solo che..magari stavolta…hai preso il pacchetto senza il tempo di dare la mancia al fattorino…”

” ma dimmi te…”

Così va il mondo comunque.

La mia nonna avrebbe detto… non è tutto oro ciò che riluce.

la magagna è dietro l’angolo.

basterebbe affacciarsi

i wish..i can

i wish..i can

sono arrivate.

Le buone notizie intendo.

una buonissima.

Il ragazzino in coma si è svegliato. E pare si ricordi dell’incidente. 

Non so molto di più al momento, ma davvero è stata un bellissimo risveglio stamani con questa notizia sul mio telefono.

E Sostegna Cerbiatta è incinta.

Bè..ci lascia a giugno in un mare di cacca ( visto che la puntuale Carlina si opera proprio a giugno quando non mandano supplenti. Carlina è davvero sempre al posto giusto come i brufoli) ma stamani era così felice che mi ha riempito di tenerezza ( e io, si sa, non sono proprio tenera)

Cercava questo bambino da tanto tempo…

è una gran bella giornata questa. Anche se il pomeriggio a Scuola Piccola è faticosissimo.

ma è una gran bella giornata.

i wish

i wish

Ho voglia di belle notizie.

Di belle cose.

Di sano superfluo.

Non mi arriva niente di tutto ciò.

Ho trovato un piccolo geco. Volevo portarlo con me in una scatolina.

Poi ho pensato che devo smetterla di inseguire feticci.

Oggi mi si è forata la bicicletta.

Devo pure rientrare per un Collegio.

 

 

ci sarò…

ci sarò…

Ci sarò quando cadrai ,ci sarai quando cadrò.

Lo ha scritto il ragazzino che adesso è in coma sul suo profilo feis sotto ad una foto nella quale abbraccia un amico.

Chissà se adesso quell’amico è lì insieme ai tantissimi ragazzini ed ai tanti curiosi ( curiose..mamme molto curiose) che affollano la sala d’aspetto della terapia intensiva.

E io penso che quelle frasi lì facciano proprio parte del mondo estremo dei 16enni…o tutto o niente, o bianco o nero o per sempre o mai. Come succedeva a noi. Solo che noi lo scrivevamo sul diario. Non avevamo altra vetrina che quella ( eravamo la stessa identica cosa di quelli di oggi ma lo sapevamo soltanto noi).

E penso..caro ragazzino che hai passato diverse ore a casa mia a giocare a Ben 10…che sei caduto davvero…ma sei caduto molto prima di volare via dal tuo motorino truccato fracassandoti il volto e il cervello sull’asfalto.

Sei caduto come quando si cade senza rumore.

Ed è così difficile esserci quando qualcuno cade senza rumore.

A 16 come a 40 anni.

Sono cose che si dicono ragazzino mio…ci sarò…ci sarai.

Si cade da soli anche se eravate in due in motorino.

Eppure tu ci credi così tanto in quella foto di feis. E ridi.

Come si ride nelle sere d’estate a 15 anni abbracciati agli amici.

Come non si ride in questa sala d’aspetto stracolma dove mi manca l’aria…

maggio su coraggio che l’amore è di passaggio

maggio su coraggio che l’amore è di passaggio

La Luci ha un nuovo uomo.

Archiviato senza rumore né clamore il vignettista ( che la dava per scontata) senza por tempo in mezzo ha cominciato ad uscire con un sessantunenne panciuto molto galante e molto carico. Di soldi.

Pare che le regole che valevano un tempo ( antichissimo) per noi degli anni 70 ( se esci da una storia devi aspettare almeno un po’ ad uscire con un altro e soprattutto..NON SI DA’ ai primi appuntamenti) siano giurassiche per questo mondo di ultracinquantenni/ ultrasessantenni che sono caricati a pallettoni ( saranno gli ormoni che introduciamo con i latticini?). E così..la Luci…56enne davvero carina e ultra energica ha salutato un 55enne piacente una domenica mattina e il sabato successivo già si trastullava felice con il nostromo panciuto ( ha pure una gran bella barca…per gli amanti del genere)

” E non ha problemi di prostata eh…” racconta felice la Luci ad un’ antichissima Patri ( antica come me eh )che sgranando gli occhi non si capacita che il vignettista ( “sessualmente un portento”) sia già nel dimenticatoio

” E non ha problemi di portafogli” aggiunge la ben poco romantica Annika per la quale un sessantunenne è ancora un nonno felice ( macché nonno! oh Annika)

” no no nessun problema…già vacanza prenotata a fine giugno…ah bene bimbe…tutto pagato!”

” Mi sa che ti sei innamorata della situazione…più che del nostromo “

” Può essere! ma chi se ne frega. Mi godo il momento. “

Basterebbe un briciolo dello spirito di questa donna e davvero tutto andrebbe meglio ( a me non piacciono le barche però..mannaggia)

adozione

adozione

” potresti adottarlo mamma!”

“Chi?”

” il quarto figlio. Quello che deve farti da badante. quello o quella mai nato! te lo darebbero di circa 40 anni…bè ti avverto eh…porterebbe via un po’ di eredità a mia sorella!”

(Qui mia sorella ,che fino al momento mi ignorava ,ha un sussulto)

” smetti di fare del sarcasmo inutile”

“Non dovrebbe avere più di me eh…ricordati che sono la primogenita…per gli ebrei la primogenitura è importantissima”

” io non sono ebrea!”

” lo so mamma! ecco…quello era vero sarcasmo!”