valzer di luglio parte terza

valzer di luglio parte terza

E la Luci non resta mica indietro eh…

mica lo avete pensato?

la Luci ha trovato il separato in casa di turno ( quelli che…ma si mi sono appena lasciato…con lei era finita da tempo…e poi guardano l’orologio perché devono rientrare..ma si dai li avete incontrati anche voi )

dodici anni meno di lei

supergiovane

superpalestrato

superpronto ad accalappiarsela al primo segno di cedimento ( o non appena la moglie…exforse…lascia campo libero)

Lei sta alla finestra lieta di farsi accalappiare.

Stende reggiseni e canticchia.

valzer di luglio

valzer di luglio

C’è un lui ,55enne pluriseparato, che vede una foto di lei sul feis di un ‘amica comune ( in questa foto tra l’altro ci sono anch’io)

Il lui telefona subito all’amica di feis dicendole…ma tu mi nascondi le tue amiche?

l’amica risponde..una è sposata ma l’altra è separata.

Da lì parte il valzer del..ma quando me la fai conoscere?

Questo accadeva esattamente a Luglio scorso.

Il lui tampina la lei su feis. Ma non riesce..causa motivi di lavoro di entrambi in zone diverse..ad incontrarla.

La lei va a Roma ( con la sottoscritta)..il lui telefona…tutto garrulo e felice si inserisce in una serata allegra tra donne a trinità dè monti e comincia a tacchinare.

Sembra pronto a qualunque battaglia per lei.

Così si arriva ai giorni nostri.

Esattamente a sabato scorso.

L’amica comune che è la Luci organizza un incontro all’Isola del giglio ( dove lui ha la casa)

La lei che è la Patri parte con il treno.

Lui la va a recuperare da galantuomo a Grosseto. La scorta fino all’Isola parlando e parlando ( pare sia logorroico ).

una volta sbarcati si fanno un selfie che spediscono alla sottoscritta.

Dopodichè…il nulla.

Il vuoto.

Il gap.

Lui passa il week end sull’Isola..accudisce la madre anziana, fa lunghe nuotate e si dimentica di lei.

Che un po’ afflitta si domanda..cosa lo ha fatto fuggire?

Poi lui crea un famigerato gruppo watt’s…LUI Patri e Luci ( ?)

Vuole fare roba a tre?

Patri torna sulla terraferma.

Si domanda ancora cosa ho che non va?

Esce con la sottoscritta.

Lui telefona.

Ha un ‘ora di buco e passa dalla città. A lei le va un caffè?

“Anni che faccio?”

” Boh..ammemipare un grande cretino…ti ha avuta tre giorni in vacanza e pensava a nuotare..ora ha il buco…mica sei una donna da mettere nel buco!”

” Appunto”

comunque…l’estate è questo ed altro…

to be continued

 

la settimana

la settimana

film

 

In questa settimana ho ” scovato” un libro ed un film degni di nota che mi hanno emozionata.

Il film è Tutto quello che vuoi ( immagine)

Il libro è l’ultimo Campiello. Donatella di Pietrantonio ” l’arminuta” ( che in dialetto abruzzese significa la ritornata)

Una scrittura asciutta, quasi verghiana che mi ha presa e trascinata in un mondo visto con gli occhi di una ragazzina con una famiglia particolarmente allargata .

Forte e delicato nello stesso momento. Un libro che arriva dritto all’anima .

 

Il film sta girando nelle arene estive ed è un mio personale consiglio.

Mi sono innamorata dei due protagonisti..il ventenne e l’ottantenne.

Con questo vi lascio un paio di giorni.

Piattolina mi aspetta nella sua casa elbana su uno scoglio.

Si prende la via del mare. Stavolta in compagnia di Palluto.

See you…

un saccobbello

un saccobbello

Giorno di partenza per il campeggio.

Lemure l’animatore e il suo gruppetto di debosciati simil animatori in prima linea.

mamme che salutano.

Io e la mamma di Matty.

” Anni”

” Si?”

” non mollare con Lemure eh NON MOLLARE”

” ehm…intendi?”

” Intendo SE MI POSSO PERMETTERE…con lo studio non mollare”

” Ah già…quello…ehm no non è mia intenzione onestamente”

” Un giorno IO E SUO PADRE abbiamo SCOPERTO sul registro elettronico ( scoperto…visto…il registro è lì per quello eh non è la carboneria) UN SEI a fisica…UN SEI..capisci?”

” capisco”

” lo abbiamo aspettato ENTRAMBI…lo abbiamo fatto sedere…gli abbiamo fatto passare la mezz’ora più brutta della sua vita..NON HA NEMMENO CENATO…sai cosa ci ha detto dopo due mesi?”

” ( una roba tipo vi odio?) ehm no non so”

” grazie mamma grazie babbo ”

” ( ed era sotto effetto di qualcosa?) ah bene”

” TU NON MOLLARE…gli hai dato Troppa libertà”

” ecco si l’intenzione in effetti era quella di un sistema piuttosto liberale fatto di corresponsabilità…ammetto che alla luce dei fatti possa considerarlo un sistema fallimentare”

” Appunto. un giorno ti ringrazierà. CONTROLLO. CONTROLLO E DISCIPLINA”

Avete presente il film di Verdone un sacco bello? ( si dai quello con mario Brega che ha il figlio in una comunità dell’amore libero e chiama chiunque per parlarci’?)

Ecco.

Io mi sono per un attimo voltata a cercare le telecamere.

Mentre il Lemure felice caposquadra saliva sul pullman.

Disciplina.

Controllo e disciplina.

Pessimismo

e

fastidio.

 

interventisti e neutralisti

interventisti e neutralisti

Di fronte ad un agosto quasi del tutto stravolto dai corsi di recupero per la matematica di Lemure ( ahi dura terra…) le reazioni dei miei interlocutori durante cene o momenti di aggregazione sono due e sempre le stesse…

ci sono i neutralisti o possibilisti…quelli che ” oh Anni le tragedie sono altre” ( e chi ha parlato di tragedia, ci mancherebbe…). Di solito sono quelli che si sono beccati una o più materie nelle estati degli anni 80/90 e sono sopravvissuti alla grande ( molto meglio di me devo dire…ed hanno poi fatto carriere con stipendi più che dignitosi rispetto alla sottoscritta che aveva le pagelle immacolate di fronte a dio e di fronte agli  uomini)

Poi ci sono gli interventisti.

Quelli che ” ah è inammissibile…TU DEVI PARTIRE..LASCIARLO A TUA MADRE così impara!”

Cosa impari non so  visto che avrebbe maggiore libertà di inanellarsi una movida senza fine e comunque la cosa che fa sorridere è che gli interventisti sono quelli con i figli broccoloni e ciondolanti che ” ma poverino” .

Una di queste è la mia adorata Patri che in tema di figli perde la brocca. Il suo..anni 22…ha transitato due anni ad Economia e Commercio succhiando soldi a mammina e papino in vena di farsi la guerra . Il pupo ha dichiarato tre esami dati con la media del 27 che erano veri come i soldi del monopoli. Sgamato ufficialmente si è buttato in un teatrale ” ho sbagliato facoltà la mia strada è una scuola privata a Milano che costa il Serchio ai lucchesi…vi prego ho bisogno di vitto, alloggio e pure qualche extra”

Per dire.

Che insomma i buoni consigli sono sempre pronti. 

Il cattivo esempio pure.